Search   You are here:  little BLOG  




Scarica Subito E-Book
Gratuitamente !
Scopri come >>

 Il luogo dove leggi.... ed esprimi liberamente le tue opinioni !

Inviato da: Administrator Account
lunedì 21 aprile 2014 11.11.19

Cerchiamo di comprendere prima la parte Indie cioè quella che definisce semplicemente ciò che si sviluppa artisticamente grazie a etichette discografiche indipendenti (cioè senza nessun collegamento con le major). Tuttavia, questa semplificazione non viene sempre rispettata poiché sempre più artisti risultano classificati come Indie pur essendo sotto contratto con una grande etichetta discografica.
Allora, Alternative Indie cosa significa? Il termine copre oggi diversi tipi di musica essenzialmente caratterizzati dalla loro diversità rispetto al Rock tradizionale come, giusto per fare qualche esempio, il gothic rock o il noise pop.
Per fare un po’ di storia, è giusto considerare che il termine Alternative Rock nasce addirittura nella seconda parte dei ‘70, anche se diventa di uso comune solo negli anni ‘90. In quel periodo viene utilizzato per definire la musica molto indipendente, quella che veniva ad esempio trasmessa dalle radio dei college o che classificava i piccoli gruppi itineranti che facevano di tutto per promuoversi e autoprodursi. Qui si inizia a parlare di Indie Rock per classificare band che spesso suonano sottogeneri del Rock come il post punk, il garage rock, ecc.
Si arriva così all’Alternative Indie Rock per includere quel qualcosa che non ti aspetti, che suona diverso dai generi più “tradizionali”, in cui anche i testi devono differenziarsi ed essere intrisi di realismo, figli del loro tempo e della cultura giovanile del momento.
Per chiudere, guardiamo quanto accaduto nell’ultimo biennio nel panorama Alternative Indie Rock, citando qualche Album tra quelli che abbiamo ascoltato.
Senza dubbio uno dei migliori album Indie dell’ultimo lustro. Un disco che esce dopo ben 21 anni dall’incredibile “Loveless”. Spesso in questi casi i risultati sono poco apprezzabili ma qui è andata, fortunatamente, diversamente. m b v è esattamente quello che ci si aspetta, un inferno di chitarre e giusto un paio di brani un po’ più soft, giusto per rifiatare.
Dobbiamo ammettere, che i toni così carichi di Jazz di questo album non sono adatti a tutti. Questo Disco è terribilmente unico, una sorta di ritorno alla musica degli anni '90 ma con un tocco di anni '70. Ben registrato, aiuta l’ascolto ed enfatizza l’ottima voce di Lewis Rainbury.
Includiamo questo Album perché non ha ancora ottenuto i riconoscimenti che merita. In realtà, Carey Mercer, il golden boy dietro il progetto, ha già sfornato in passato ottime idee ma sempre con poco successo di critica. E' un peccato perché la sua voce e lo stile sono quasi impeccabili. Questo è un Disco molto tranquillo, dal suono quasi surreale, perfetto per rilassarsi dopo una lunga e dura giornata.
King Krule - 6 Feet Beneath the Moon

Un sorprendente debut Album. Il sound è un mix degli ultimi trent’anni di rock britannico. Impegnandosi, si può quasi udire una sorta di canalizzazione di Joe Strummer dei Clash su cui, qua e là, si innesta un po’ di dubstep di qualità. Molta elettricità insomma, una vera sorpresa.

Good Vibrations!

Team
MusicaIndelebile.com
 


Segnala 
/ Condividi

Share/Bookmark

 

Tags:

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla  

  
 little Blog Top Post

  



Scarica Subito E-Book Gratis!

 

 

 


  

Promozioni Musica di Amazon.it >>>

SuperOfferte Musica su LaFeltrinelli.it >>>

Promozioni Musica su Ibs.it >>>


  
Home Page:Blues:Country:Elettronica:Etnica / World Music:Folk:Gospel:Italiana:Jazz:Rap / Hip-Hop:Reggae:R&B / Soul:Rock:little BLOG:Recensioni
Copyright © 2009-2015 MusicaIndelebile.com Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy