Search   You are here:  little BLOG  




Scarica Subito E-Book
Gratuitamente !
Scopri come >>

 Il luogo dove leggi.... ed esprimi liberamente le tue opinioni !

Inviato da: Administrator Account
domenica 29 aprile 2012 12.33.24

L’hip-hop è oggi una “lingua universale”, espressione di libero pensiero, che influenza intere comunità nonché la danza e la moda.
Essendo qui comunque per parlare di musica e non di altro, ho voluto scavare un po’ nella storia musicale di questo genere perché la storia è, come spesso accade, la parte meno nota.
Giusto per essere un po’ provocatorio, diciamo subito che l’hip-hop inizia, quantomeno nei testi, nel "Rhythm and blues" dei primi anni '40. Da questo genere afro-americano molto popolare deriveranno, anche musicalmente, il soul e il funk sino ad arrivare, grazie all’esplosione del rap, al contemporaneo New R&B.
Volendo comunque esagerare, dico che l'inizio della musica Hip Hop risale addirittura al 1925, quando qualcosa di simile al rap fu eseguito al cotton club da Earl Tucker (in arte Snake Hips). L’esibizione e quel nuovo sound fu subito collegato ad alcuni modi di ballare molto simili al moonwalking di più recente e Jacksoniana memoria. Fenomeno questo molto simile, a quanto accaduto molti anni più tardi con la break dance.
A livello tecnologico, il primo utilizzo di effetti “booming” e similari risale al 1940, grazie al lavoro del tecnico giamaicano Thomas Wong, meglio conosciuto come “Tom The Great Sebastien”.
Giungendo agli anni ‘50, ecco comparire le prime forme di rap (anche di protesta) grazie a due DJ e produttori (sempre giamaicani) come Coxsone Dodd (Downbeat) e Duke Reid (Trojan). Ovviamente parliamo di forme sostanzialmente primitive.
In quest’epoca comunque nasce Clive Campbell, più noto come DJ Kool Herc, che giudico il vero padrino dell’hip hop. Giamaicano, emigrato negli Stati Uniti a soli undici anni, crea quello stile innovativo ed unico che da origine ai nuovi trend. Mixaggio da dj moderno, recitazione in rime, testi particolarmente “vivi” e, soprattutto, rompe schemi consolidati. 

Un piccolo ma illuminante video sul personaggio...

Altro passaggio importante avviene ai primi dei ’60, più precisamente nel 1962, quando Clayton Fillyau, il batterista di James Brown nel mitologico "Live at the Apollo" creò quei break beat che influenzeranno negli anni successivi l’intero movimento dei break dancers.  
Alla fine dei ’60 una gang del bronx da origine agli Zulu Nation che possiamo forse definire la prima hip hop family della storia.
Il colpo di coda di quel decennio spetta però ancora a James Brown grazie a due brani che influenzeranno tutta la programmazione e gli elementi percussivi del rap sino ai giorni nostri. Parliamo di “Sex Machines” grazie alla bravura di John Starks e "Funky Drummer" che vedeva Clyde Stubblefield alla batteria.

Qui mi fermo perché immagino che, dai primi anni ’70 (U-Roy, The Black Messengers, Afrika Bambaataa, Grandmaster Caz, Grandmaster Flash,… ) la storia sia più nota, fatta forse eccezione per il misconosciuto DJ Grand Wizard Theodore che inventò accidentalmente lo “shi-gi shi-gi”. Accadde tutto mentre tentava di tenere fermo un disco al fine di capire cosa voleva sua mamma che gli stava urlando dietro l’impossibile.
Quello "shigi-shigi", come qualcuno avrà intuito, diventerà poi molto famoso come “Scratch”.

Non ricordo chi ha scritto che "l'hip-hop è qualcosa che si vive, il rap è qualcosa che si fa". In ogni caso, entrambi rappresentano oggi una cultura che cerca di far esprimere desideri e difficoltà, tentando di parlare delle sfide da affrontare. Per i più giovani, questo è spesso un modo per rilasciare frustrazioni e andare avanti con la vita.

Che la vita e la musica siano quindi con loro… e dalla loro parte.

Good Vibrations!


WebMaster
MusicaIndelebile.com


Segnala ad un Amico-a 
/ Condividi

Share/Bookmark

 

Tags:

7 commenti...

Re: Rap, Hip Hop.... ma non tutti sanno che...

fortissimo, divertente, illuminante. un post da incorniciare, da far leggere a tutti quelli che pensano che il rap sia nato con dj ax.

Da Yo Yo a   martedì 1 maggio 2012 6.27.32

Re: Rap, Hip Hop.... ma non tutti sanno che...

ma dai.... questa cosa di scovare elementi hip hop sin dagli anni 20 la trovo geniale. spero che tutti capiscano lo spirito del post e se non lo capiscono problemi loro. grrrr

Da Ringhio a   martedì 1 maggio 2012 6.27.52

Re: Rap, Hip Hop.... ma non tutti sanno che...

kool herc è un mito per tutti quelli che si son presi la briga di capire dove nasce il mixaggio moderno. lo spezzone di intervista è fantastico mentre ho qualche dubbio sulla lista delle 30 best songs. comunque un bell'articolo.

Da dj-erba a   martedì 1 maggio 2012 6.28.11

Re: Rap, Hip Hop.... ma non tutti sanno che...

finalmente qualcuno che non parla di eminem, killa, fibra, vacca,.... ma che propone qualcosa di diverso e anche divertente da leggere. il passaggio sulla nascita dello scratch è da delirio... ah aha ha

Da bebhop a   martedì 1 maggio 2012 6.28.32

Re: Rap, Hip Hop.... ma non tutti sanno che...

ma è tutto vero? cioè siccome dici che vuoi essere provocatorio, nn risco a capire se è tutto uno scherzo o tutto vero. forte però. voglio capire. vado su wiki e cerco. ciao

Da Kunz a   martedì 1 maggio 2012 6.28.45

Re: Rap, Hip Hop.... ma non tutti sanno che...

quando tiri (tirate fuori) queste cose, vi adoro.Earl tucker, the grat sebastien, lo shigi shigi,... spassoso ma anche interessante, non è da tutti.
smack Vale

Da Valentina a   martedì 1 maggio 2012 6.28.59

Re: Rap, Hip Hop.... ma non tutti sanno che...

post come se ne leggono pochi.... divertente ed istruttivo. complimenti davvero.

Da Jenny39 a   mercoledì 30 maggio 2012 22.23.03

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla  

  
 little Blog Top Post

  



Scarica Subito E-Book Gratis!

 

 

 


  

Promozioni Musica di Amazon.it >>>

SuperOfferte Musica su LaFeltrinelli.it >>>

Promozioni Musica su Ibs.it >>>


  
Home Page:Blues:Country:Elettronica:Etnica / World Music:Folk:Gospel:Italiana:Jazz:Rap / Hip-Hop:Reggae:R&B / Soul:Rock:little BLOG:Recensioni
Copyright © 2009-2015 MusicaIndelebile.com Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy