Search   You are here:  little BLOG  




Scarica Subito E-Book
Gratuitamente !
Scopri come >>

 Il luogo dove leggi.... ed esprimi liberamente le tue opinioni !

Inviato da: Administrator Account
domenica 8 luglio 2012 12.43.45

Il Rock è certamente il genere musicale più popolare e conosciuto anche grazie a una consolidata cultura musicale. Tuttavia ci rendiamo conto che molti non hanno una visione chiara della sua evoluzione anche grazie a molta, eccessiva o distorta informazione che circola inarrestabilmente nel web. Abbiamo quindi deciso di fare un post per evidenziare sinteticamente come sì è evoluta negli anni la musica rock. Insomma, mettiamo qualche faro per meglio orientare i naviganti.
Anni '40 e '50. Le origini.
La musica rock nasce in forma embrionale negli Stati Uniti degli anni '40, quando il Blues, il Jazz e la musica Country incontrano chitarra elettrica e percussioni. Sono comunque gli anni ‘50 a vederne l’esplosione dell’hillybilly prima e del rock ‘n roll poi, grazie a pionieri come Elvis Presley, Chuck Berry, Little Richard e artisti di spessore come Jerry Lee Lewis e Buddy Holly


Anni '60. La nuova era.
L'America viene invasa dagli inglesi e dal loro sound. La British Invasion è capitanata da quattro ragazzi di Liverpool con un curioso nome: "The Beatles". Gli States impazziscono di fronte alle loro innovative linee melodiche e vocali (queste ultime sviluppate anche grazie all’indiretto contributo dei Beach Boys). Seguendo la rotta disegnata dai fab four, nuovi gruppi e artisti cominciarono ad allargare i loro orizzonti ed a dominare il mondo con la loro musica. Tra questi, i “cattivissimi” Rolling Stones.
Molte ed inevitabili le contaminazioni, dal blues rock (Eric Clapton, Cream, Janis Joplin) al folk rock (Bob Dylan) al country rock (The Byrds) giusto per fare qualche esempio.
Questo è il periodo in cui i giovani creano un movimento di controcultura che diventerà molto popolare, il movimento Hippy. Anche a causa di ciò, le droghe e il sesso diventarono uno dei temi più importanti per i testi e la necessità delle rock star di quegli anni (The Doors, Pink Floyd). Da qui l’origine e la nascita di un nuovo sottogenere del rock, la Psichedelia che vede il suo apice nel 1969, con il festival di Woodstock cui parteciperanno anche artisti del calibro di Santana, The Grateful Dead, The Who, Jimi Hendrix, Sly and the Family Stone

Anni ’70. L’esplosione.
Gli anni '70 sono quelli dell'evoluzione della musica rock grazie a nuovi stili come il Progressive (King Crimson, Yes, Genesis) e l’hard rock (Black Sabbath, Led Zeppelin, Deep Purple). Il rock assume toni più pesanti, più spessi e a volte scuri, che culmineranno con l’avvento dell’heavy metal inglese guidato da band come Iron Maiden, Judas Priest e Motorhead o gli Aerosmith d’oltreoceano.  Sempre i ‘70 si connoteranno per l’assortimento di diverse modalità espressive, grazie a cui il rock trova dimensione interplanetaria. Basti pensare ai Queen, a David Bowie e Lou Reed (Glam Rock) o agli Eagles.
Come spesso accade, dopo tanto successo, si arriva a un’esplosione o, secondo altri punti di vista un’implosione accompagnata poi da una nuova rivoluzione. Per la musica rock tutto questo è stato il Punk dopo la prima metà dei ‘70. Tra i padri fondatori annoveriamo certamente i Ramones ma è la rabbia adolescenziale e l'anarchia d’oltremanica che dobbiamo ringraziare per aver potuto apprezzare band come Sex Pistols e The Clash.

Anni ’80. La Ricostruzione.
Si riparte dalle basi dell’hard rock e del metal ma con una spasmodica attenzione al look. Pantaloni di pelle stretti, giacche particolari, acconciature folli, riff e assoli di chitarra che acquisiscono particolare velocità di esecuzione contraddistinguono il Glam e l’Hair metal. Si presentano così Motley Crue, Twisted Sisters o Poison ed a modo loro anche Van Halen e Bon Jovi. Spazio anche ai più “tradizionali” Guns n’ Roses o ai Def Leppard, capaci di riempire arene di grandi dimensioni. C’è anche chi riparte dai nomi di spicco del metal inglese dei ’70 ma su cui crea un proprio stile: il Trash Metal (Metallica, Slayer, Anthrax, Megadeth). La rivalità tra glam e thrash è indubbiamente uno degli argomenti su cui più si è scritto negli anni '80. Anni questi che ci permettono anche di assistere alla fusione tra funk, rap e heavy metal. Paladini del genere i Red Hot Chili Peppers. Alla fine del decennio, s’inizia a parlare di Alternative rock, ponendo l'attenzione su band come REM, Sonic Youth e poi Nine Inch Nails.
Anni ’90. L’evoluzione delle Alternative.
L'era degli anni '90 è il periodo dell’alternative revolution. Si parte con strepitosi album come Ten dei Pearl Jam o Blood Sugar Sex Magik dei Red Hot Chili Peppers ma soprattutto con l'immenso grunge dei Nirvana di Nevermind che con chitarra e distorsioni in forte evidenza arriverà a vendere oltre 30 milioni di copie in tutto il mondo. Restando al grunge ebbero la forza di segnalarsi anche Alice in Chain e Soundgarden. Gli esploratori del crossover di questi anni sono invece stati gruppi come i Rage against the machine, i Linkin Park, i Limp Bizkit e i Korn con il loro nu metal.

Anni ’00. La segmentazione.
Contrariamente a quanto molti pensano il rock non è morto, anche se è vero che vi sono molti giovani che vanno in giro con t-shirt di band dei '70 e degli '80 e che le loro playlist sono pieni di classici della vecchia scuola. Questi sono gli anni della segmentazione e dell’esplosione di una quantità incredibile di sottogeneri quasi si andasse a ricercare la musica “su misura” per ogni persona. Basti pensare in tal senso alla quantità di stili dell’Heavy Metal: death, black, hardcore solo per citarne alcuni tra gli ultimi nati e band con fan fedelissimi come Children of Bodom, Cradle of Filth, Cannibal Corpse o Slipknot. L’Alternative rock è ancora attivo ma oggi è molto differenziato e differenziabile, basti pensare a band come Foo Fighters, Coldplay, Incubus e Nickelback .
La musica rock è passata attraverso molte epoche e decenni e forse non è più influente com’è stata in passato, ma chiunque ami anche la sola musica pop contemporanea o l’hip hop non deve dimenticare il dono portato alla musica da artisti come quelli citati ad esempio nel passaggio sugli anni ’70 e ‘80. Ogni singolo personaggio o gruppo, che è stato o è in cima alle classifiche trainato dai media o pluri-awardato, che ne sia consciamente consapevole o meno, è stato inevitabilmente influenzato da quanto creato e ascoltato nei decenni passati.

Good Vibrations!

Team
MusicaIndelebile.com


Segnala 
/ Condividi

Share/Bookmark

Tags:

7 commenti...

Re: Evoluzione nei decenni della Musica Rock

Gli anni ottanta in linea di massima vengono ricordati come gli anni degli yuppies, di Reagan e della Thatcher, quelli della musica sintetica e prodotta in serie, dei vari duranduran ecc…ecc… Invece il decennio ha offerto moltissima musica, innumerevoli possibilità, grandi scenari e perfino qualche piccola rivoluzione. Se l’immagine dominante è quella del decennio dell’apparenza, delle droghe veloci, dell’immagine che sostituisce la sostanza, al di sotto di tutto ciò gli ottanta hanno messo in scena una delle piccole grandi rivoluzioni del rock: la rifondazione.
In realtà gli anni ottanta cominciano nel ’77 con l’esplosione del punk, su cui non mi dilungherò, se non per riconfermare quello che già sappiamo e cioè: punk=rottura. Il punk fece una sorta di tabula rasa nell’intero pianeta, ma è la musica che mise in evidenza il modo più veritiero.
Per tutte le arti sensibili agli umori del presente, e per il rock in prima linea, si trattò di una vera frattura col passato.
Dopo questa rottura e adesso arrivo al punto, molti musicisti e siamo nel post-punk, se vogliamo catalogare questo periodo, si trovano davanti ad un “foglio bianco”, hanno l’impressione e la consapevolezza di dover riscrivere e quindi di dover ripartire da capo.
E’ in realtà proprio in questo periodo che ripeto viene considerato da molti “superficiale”, che i creativi acquisiscono il fatto che non bisognava più rispondere a modelli e obblighi di ruolo e di pensiero e in altre parole potevano sentirsi “liberi” di rispondere solo a se stessi.
Ed è grazie anche a questo che sono stati incisi moltissimi ottimi dischi, e anche alcuni capolavori, in un periodo tutto sommato molto breve.

Da novalis a   mercoledì 11 luglio 2012 15.46.14

Re: Evoluzione nei decenni della Musica Rock

la fine dei '60 apre una nuova era ma i '70 sono TUTTO. Il video dei Genesis esprime perfettamente il mio pensiero.

Da Ringhio a   giovedì 6 settembre 2012 12.15.29

Re: Evoluzione nei decenni della Musica Rock

Impeccabile per la capacità di sintesi. :-) baci

Da Valentina a   giovedì 6 settembre 2012 12.15.41

Re: Evoluzione nei decenni della Musica Rock

concentrare tutto questo in poche righe è impresa ardua, quindi complimenti per il coraggio è per il risultato. the pelvis numero uno ;-)

Da Spybat a   giovedì 6 settembre 2012 12.15.48

Re: Evoluzione nei decenni della Musica Rock

Servirebbero fiumi di inchiostro e non a caso il tema affrontato è da enciclopedia... manca inevitabilmente molto ma meglio continuare a parlare di rock in un breve post piuttosoto che nn farlo. Meglio poche righe e questi video che un mare di banalità ed inutilità su MTV.

Da Disarm a   giovedì 6 settembre 2012 12.16.06

Re: Evoluzione nei decenni della Musica Rock

salve a tutti, è la prima volta che commento un blog. Comunque mi è piaciuto tantissimo, interessantissimo ,pieno di spunti e di artisti fantastici. soprattutto perchè è da poco tempo che mi sono avvicinata a questo genere musicale, anzi mi chiedo cosa ho ascoltato prima d' ora. Mi piacciono tantissimo gli AC/DC,e su altri blog dove si discuteva di musica rock, tutti ( o quasi) i commentatori erano daccordo nel definirli fondamentali nella storia del rock. come mai qui non li nominate? non voglio essere polemica sia chiaro, voglio solo avere delle informazione, in modo tale da non lasciarmi sfuggire delle canzoni e degli accordi fantastici.
ciao ciao siete grandi : D

Da tarantolinacoda a   lunedì 1 ottobre 2012 7.29.48

Re: Evoluzione nei decenni della Musica Rock

@ novalis - ottime ed efficace contributo. thanks
@ ringhio - sempre sintetico e chiaro :-)
@ valentina @ spybat - Grazie! :-))
@ disarm - proprio così
@ tarantolinacoda - anzitutto benvenuta e siamo orgogliosi di aver accolto il tuo debutto tra i commentatori di blog. Considera che questo è solo un post dove le citazioni servono solo per dare un'idea al lettore. Ovviamente concordiamo sull'importanza degli AC/DC tanto è vero che compaiono nella classifica dei 100 fondamentali con l'album back in black. Continua a scoprire buona musica ed a seguirci. Grazie!

Un abbraccio a tutti e..... Good Vibrations!!!
MusicaIndelebile Team

Da MI Team a   lunedì 1 ottobre 2012 7.40.24

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla  

  
 little Blog Top Post

  



Scarica Subito E-Book Gratis!

 

 

 


  

Promozioni Musica di Amazon.it >>>

SuperOfferte Musica su LaFeltrinelli.it >>>

Promozioni Musica su Ibs.it >>>


  
Home Page:Blues:Country:Elettronica:Etnica / World Music:Folk:Gospel:Italiana:Jazz:Rap / Hip-Hop:Reggae:R&B / Soul:Rock:little BLOG:Recensioni
Copyright © 2009-2015 MusicaIndelebile.com Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy